Test CircleCount PRO now!
Login now

Not your profile? Login and get free access to your reports and analysis.

MAURIZIO PONTINI

MAURIZIO PONTINI 

Chi trascura di imparare in giovinezza perde il passato ed è morto per il futuro. Euripide (486 a.C. – 406 a.C. circa), poeta tragico greco. -------- Who neglects to learn in his youth loses the pa

Occupation: Fotografia Indipendente / Internet / Web Marketing / Articolista

Followers: 18,816

Added to CircleCount.com: 10/12/2011That's the date, where MAURIZIO PONTINI has been indexed by CircleCount.com.
This hasn't to be the date where the daily check has been started.
(Update nowYou can update your stats by clicking on this link!
This can take a few seconds.
)

Tags

Sign in

No tag added here yet.
You can login on CircleCount to add some tags here.

Are you missing a tag in the list of available tags? You can suggest new tags here.

Login now

Do you want to see a more detailed chart? Check your settings and define your favorite chart type.

Or click here to get the detailed chart only once.

Shared Circles including MAURIZIO PONTINI

Shared Circles are not available on Google+ anymore, but you can find them still here.

The Google+ Collections of MAURIZIO PONTINI

New!
Login and checkout your own profile to see the average response per collection.
Or check out how it looks like on the profile page of +CircleCount.

Looks like this is your profile but we haven't loaded your posts yet to show you here the average numbers per collection.
Just open your dashboard and let the server work for you.

Activity

Average numbers for the latest posts (max. 50 posts, posted within the last 4 weeks)

0
comments per post
0
reshares per post
0
+1's per post

1,086
characters per posting

Top posts in the last 50 posts

Most comments: 1

posted image

2017-01-29 19:58:11 (1 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

È l'inizio di un giorno normale, ma è sempre un giorno speciale se possiamo ancora vedere i colori, sentire i rumori, se possiamo ancora respirare il profumo della vita...Buona domenica

Most plusones: 9

posted image

2017-01-29 20:33:16 (0 comments; 0 reshares; 9 +1s; )Open 

Latest 50 posts

posted image

2017-02-16 23:47:50 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

___

posted image

2017-02-06 17:06:32 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Wilbur Smith - Uccelli da preda
ROMANZO

Wilbur Smith torna alla saga dei Courteney che lo ha reso celebre, ricostruendo le vicende degli antenati dei protagonisti del "Destino del Leone", della "Voce del tuono" e di tanti altri romanzi e narrando la loro lotta per conseguire la supremazia sui mari. Nel 1667, Sir Francis Courteney e suo figlio Henry si trovano su una caravella che staziona al largo di capo Agulhas, sulle coste del Sudafrica, in attesa di un galeone carico d'oro, proveniente dall'India... Comincia così un'avventura che porterà i due uomini a doppiare il capo di Buona Speranza e a dirigersi verso il Nordafrica, in un'epoca in cui le leggi del mare ammettevano quegli atti di pirateria, quei delitti e quei saccheggi che in terraferma erano punibili con la morte...

Wilbur Smith - Uccelli da preda
ROMANZO

Wilbur Smith torna alla saga dei Courteney che lo ha reso celebre, ricostruendo le vicende degli antenati dei protagonisti del "Destino del Leone", della "Voce del tuono" e di tanti altri romanzi e narrando la loro lotta per conseguire la supremazia sui mari. Nel 1667, Sir Francis Courteney e suo figlio Henry si trovano su una caravella che staziona al largo di capo Agulhas, sulle coste del Sudafrica, in attesa di un galeone carico d'oro, proveniente dall'India... Comincia così un'avventura che porterà i due uomini a doppiare il capo di Buona Speranza e a dirigersi verso il Nordafrica, in un'epoca in cui le leggi del mare ammettevano quegli atti di pirateria, quei delitti e quei saccheggi che in terraferma erano punibili con la morte...___

posted image

2017-02-04 19:23:23 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

James Herriot - COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE

Sono gli anni della Seconda Guerra Mondiale e Herriot si arruola nell'aeronautica miltare britannica, ma la vita al campo è ben diversa da quella a cui è abituato. Ogni occasione gli richiama alla mente la sua vita di campagna, i suoi animali, i contadini del suo paese, e ogni vita è una storia da rivivere e da raccontare.

James Herriot - COSE SAGGE E MERAVIGLIOSE

Sono gli anni della Seconda Guerra Mondiale e Herriot si arruola nell'aeronautica miltare britannica, ma la vita al campo è ben diversa da quella a cui è abituato. Ogni occasione gli richiama alla mente la sua vita di campagna, i suoi animali, i contadini del suo paese, e ogni vita è una storia da rivivere e da raccontare.___

posted image

2017-02-02 20:42:56 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Verdi, l'italiano: ovvero, in musica, le nostre radici

Riccardo Muti


Alla vigilia del bicentenario della nascita, il maestro Riccardo Muti dedica a Verdi questo libro che è insieme un omaggio appassionato al compositore e un viaggio nelle sue opere. Ed è anche un tentativo - da parte del suo massimo interprete assieme a Toscanini - di fargli riconoscere nella storia della musica l'importanza che merita. Se infatti Mozart o Wagner sono indiscutibilmente considerati giganti nei loro Paesi d'origine e nel mondo intero, da noi Verdi è spesso stato presentato come il compositore dei motivetti facili e orecchiabili ed è stato in molti casi eseguito senza rispetto filologico, come se le sue partiture potessero essere modificate e adattate a piacimento. Ma Verdi - argomenta Muti - è un genio assoluto, è il patriarca della musica italiana e, se pure mette in scena legrand... more »

Verdi, l'italiano: ovvero, in musica, le nostre radici

Riccardo Muti


Alla vigilia del bicentenario della nascita, il maestro Riccardo Muti dedica a Verdi questo libro che è insieme un omaggio appassionato al compositore e un viaggio nelle sue opere. Ed è anche un tentativo - da parte del suo massimo interprete assieme a Toscanini - di fargli riconoscere nella storia della musica l'importanza che merita. Se infatti Mozart o Wagner sono indiscutibilmente considerati giganti nei loro Paesi d'origine e nel mondo intero, da noi Verdi è spesso stato presentato come il compositore dei motivetti facili e orecchiabili ed è stato in molti casi eseguito senza rispetto filologico, come se le sue partiture potessero essere modificate e adattate a piacimento. Ma Verdi - argomenta Muti - è un genio assoluto, è il patriarca della musica italiana e, se pure mette in scena le grandi passioni umane, lo fa sempre nella cornice di una straordinaria raffinatezza e nobiltà delle espressioni. Nelle pagine di "Verdi, l'italiano", i lettori vengono quindi accompagnati a scoprire il vero fascino di questo musicista, scandagliando il perfetto accordo tra parole e note che fa di ogni sua opera un capolavoro di teatro. Ma la grandezza di Verdi sta anche nella tragedia dell'uomo moderno davanti a Dio come resa nel Requiem, nell'interpretazione dello spirito italiano che lo fece addirittura assurgere a bandiera del Risorgimento e in opere assolute quali Otello e Falstaff, frutti di una finissima consapevolezza dell'incedere verso il tramonto della vita.___

posted image

2017-02-02 20:23:51 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

Edoardo Nesi - L'estate infinita
Premio Strega 2011

Italia. Estate del 1972. Ivo il Barrocciai convince il padre Ardengo a finanziargli l'acquisto di un terreno per costruire una fabbrica di tessuti da "far invidia ai milanesi". Cesare Vezzosi, piccolo impresario edile, sposato con la bellissima Arianna che lascia lunghi mesi al mare a badare al figlio Vittorio, costruisce di lena appartamenti popolari per ospitare l'ondata di intrepida immigrazione che viene dal Sud. Pasquale Citarella è venuto dall'Irpinia a cercare fortuna, con moglie e figli, e pittura senza sosta le case e i capannoni e i palazzi che sembrano spuntare ovunque. Siamo all'alba di un nuovo mondo e l'albero della vita sta intrecciando i destini: l'audace Barrocciai incarica il Vezzosi di costruire la faraonica fabbrica mentre lui si getta, con l'entusiasmo di un fanciullo, alla... more »

Edoardo Nesi - L'estate infinita
Premio Strega 2011

Italia. Estate del 1972. Ivo il Barrocciai convince il padre Ardengo a finanziargli l'acquisto di un terreno per costruire una fabbrica di tessuti da "far invidia ai milanesi". Cesare Vezzosi, piccolo impresario edile, sposato con la bellissima Arianna che lascia lunghi mesi al mare a badare al figlio Vittorio, costruisce di lena appartamenti popolari per ospitare l'ondata di intrepida immigrazione che viene dal Sud. Pasquale Citarella è venuto dall'Irpinia a cercare fortuna, con moglie e figli, e pittura senza sosta le case e i capannoni e i palazzi che sembrano spuntare ovunque. Siamo all'alba di un nuovo mondo e l'albero della vita sta intrecciando i destini: l'audace Barrocciai incarica il Vezzosi di costruire la faraonica fabbrica mentre lui si getta, con l'entusiasmo di un fanciullo, alla conquista del mercato tessile d'Europa e d'America. Il Vezzosi, a sua volta, incarica Citarella della costruzione: una commissione che può valere il futuro suo, della sua famiglia, e anche di qualche parente rimasto ad Ariano Irpino. E mentre la fabbrica si va edificando, gloriosa ed eccessiva come il sogno che l'ha voluta creare, mentre quei tessuti iniziano a generare denaro e spargere benessere condiviso, mentre gli anni vengono divorati dalla voglia di futuro, le vite private dei protagonisti iniziano a scricchiolare, a scomporsi e ricomporsi, travolte dall'impeto di una vita che è benzina per i sogni e di una crescita continua e rapidissima, onnipresente, naturale quanto l'aria e il cielo.___

posted image

2017-02-02 19:33:40 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

AREA ITALIANA

ITALIA REPUBBLICA
Il primo Francobusta® in seta del mondo

5000 L. - 2,58 € • Fibre di seta e veduta di Como, da un dipinto di B.Longoni

Nuvo MNH ** perfetto

Questo non è precisamente un francobollo ma, in base alla definizione delle poste, un francobusta®, nome maschile e registrato dall'ente poste italiane che ricorda la doppia funzione del pezzo. È realizzato interamente in seta ed è autoadesivo.

Causa problemi di raggiungimento del volume di stampa nei tempi previsti, risulta essere stato venduto nel giorno di emissione soltanto a Roma e Como.

Di seguito le indicazioni d'uso riportate sul retro del francobusta®:
COMO CITTÀ DELLA SETA...
'la più nobile delle fibre...'
A lato del francobollo, che richiama la morbidezza della seta, la riproduzione serigrafica del quadro "Comodall'al... more »

AREA ITALIANA

ITALIA REPUBBLICA
Il primo Francobusta® in seta del mondo

5000 L. - 2,58 € • Fibre di seta e veduta di Como, da un dipinto di B.Longoni

Nuvo MNH ** perfetto

Questo non è precisamente un francobollo ma, in base alla definizione delle poste, un francobusta®, nome maschile e registrato dall'ente poste italiane che ricorda la doppia funzione del pezzo. È realizzato interamente in seta ed è autoadesivo.

Causa problemi di raggiungimento del volume di stampa nei tempi previsti, risulta essere stato venduto nel giorno di emissione soltanto a Roma e Como.

Di seguito le indicazioni d'uso riportate sul retro del francobusta®:
COMO CITTÀ DELLA SETA...
'la più nobile delle fibre...'
A lato del francobollo, che richiama la morbidezza della seta, la riproduzione serigrafica del quadro "Como dall'alto' del pittore e scultore Baldassare Longoni (1876-1956)
Il primo Francobusta® in seta del mondo
Confezionato con due tessuti in 100% Seta fabbricati a Como
Stampa serigrafica manuale in serie limitata
BREVETTO DEP.

Il Francobusta® può essere utilizzato:
A - come busta per spedire la corrispondenza, apponendovi il mittente e il destinatario, o per introdurvi piccoli oggetti postabili, es. mini CD Rom, piccoli campioni, carte di credito, ecc.
B - come grande originale francobollo da applicare a lettere, pacchetti ecc., integrandone eventualmente il valore con altri francobolli: basterà togliere solo questa protezione trasparente stampata, lasciando il film adesivo per l'incollaggio. Anche questo film potrà essere rimosso qualora si volesse ammirare la finezza della seta, tessuta con filati di colori cangianti.

N.B. La delicata lavorazione dei due tessuti di seta che compongono il Francobusta®, effettuata principalmente a mano, è la garanzia di una piccola opera originale ed unica. - soc. E.M. - Como___

posted image

2017-02-01 20:48:48 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

La mia vita carnale: amori e passioni di Gabriele d'Annunzio

Giordano Bruno Guerri

"Posa", "finzione", "provocazione", "teatro": ecco i termini associati per decenni al nome di Gabriele D'Annunzio. Con queste parole siamo stati abituati a descriverlo, così ci è sempre stato insegnato. Ma la suggestione della sua poesia, le imprese ardite e la retorica detta appunto "dannunziana" non sono sufficienti a svelare il segreto di una vita "inimitabile". Giordano Bruno Guerri ci conduce lontano da stereotipi, accompagnandoci nelle stanze folli e geniali della dimora dannunziana. Pagina dopo pagina, sfogliando il "libro di pietre vive" che il Vate ci ha lasciato, riscopriamo un uomo che fu seduttore e amante irresistibile, avvinto dal "bisogno imperioso della vita violenta, della vita carnale, del piacere, delp... more »

La mia vita carnale: amori e passioni di Gabriele d'Annunzio

Giordano Bruno Guerri

"Posa", "finzione", "provocazione", "teatro": ecco i termini associati per decenni al nome di Gabriele D'Annunzio. Con queste parole siamo stati abituati a descriverlo, così ci è sempre stato insegnato. Ma la suggestione della sua poesia, le imprese ardite e la retorica detta appunto "dannunziana" non sono sufficienti a svelare il segreto di una vita "inimitabile". Giordano Bruno Guerri ci conduce lontano da stereotipi, accompagnandoci nelle stanze folli e geniali della dimora dannunziana. Pagina dopo pagina, sfogliando il "libro di pietre vive" che il Vate ci ha lasciato, riscopriamo un uomo che fu seduttore e amante irresistibile, avvinto dal "bisogno imperioso della vita violenta, della vita carnale, del piacere, del pericolo fisico, dell'allegrezza". Grazie al diario (in gran parte inedito) di Amelie Mazoyer, ancella in servizio continuo che il Vate ribattezza Aélis, conosceremo Gabriele D'Annunzio uomo "intero". Geisha, complice e confidente, Aélis si contende il ruolo di preferita con l'elegante musicista Luisa Baccarà e con la cameriera Emilia. Aélis annota per lunghi anni tutto ciò che accade nelle stanze del Vittoriale, registrando ascese e cadute delle "badesse di passaggio": nobildonne, artiste, prostitute, semplici paesane o avventuriere; e un contorno di personaggi non secondari. Su tutto ciò, naturalmente lui, la sua grandezza di poeta e la sua strepitosa vitalità, fatta di genio e di cocaina, invenzione e di ironia: il suo essere un libertario e anarchico, modernizzatore e anticipatore.___

posted image

2017-02-01 20:27:54 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Il grande mosaico della cucina italiana
Editore: Touring Club Italiano

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Copertina rigida

Descrizione del libro

Il racconto della cultura gastronomica
Cinque autori di diverse discipline per disegnare il composito ritratto dell'Italia a tavola, fra passato e presente, fra tradizione e innovazione, sedotta dai media, informata e selettiva, sempre più consapevole che il cibo è fonte di salute e testimonianza della nostra storia.

Il ritratto del made in Italy a tavola
Dal secondo dopoguerra ai giorni nostri, il percorso dell'alimentazione e della gastronomia attraverso le piccole grandi tappe che hanno segnato il quotidiano delle ultime generazioni: dal frigorifero, portatore di una rivoluzione degli acquisti e del consumo, allo scooter, antesignano del turismo gastronomico; dalla trattoria,t... more »

Il grande mosaico della cucina italiana
Editore: Touring Club Italiano

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Copertina rigida

Descrizione del libro

Il racconto della cultura gastronomica
Cinque autori di diverse discipline per disegnare il composito ritratto dell'Italia a tavola, fra passato e presente, fra tradizione e innovazione, sedotta dai media, informata e selettiva, sempre più consapevole che il cibo è fonte di salute e testimonianza della nostra storia.

Il ritratto del made in Italy a tavola
Dal secondo dopoguerra ai giorni nostri, il percorso dell'alimentazione e della gastronomia attraverso le piccole grandi tappe che hanno segnato il quotidiano delle ultime generazioni: dal frigorifero, portatore di una rivoluzione degli acquisti e del consumo, allo scooter, antesignano del turismo gastronomico; dalla trattoria, tempio della cucina all'italiana, al fast food, al recupero dei valori culturali del mangiare in Italia.

200 ricette per interpretare la tradizione
Un selezionato repertorio di piatti delle tante e ricche tradizioni gastronomiche del nostro Paese, organizzati per tipologia e raccontati secondo le loro origini storico-geografiche, ma anche con le necessarie istruzioni per la loro esecuzione.
Quindici inserti tematici per evidenziare analogie e differenze "Da Nord a Sud": il pane, la pasta, il piccante, l'agrodolce, il bollito, il baccalà, la zuppa di pesce...___

posted image

2017-01-29 21:30:12 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Giuseppe Tomasi di Lampedusa - Il Gattopardo - Premi Strega

Il racconto inizia con la recita del rosario in una delle sontuose sale del palazzo Salina, dove il principe Fabrizio, il gattopardo, abita con la moglie Stella e i loro sette figli: è un signore distinto e affascinante, raffinato cultore di studi astronomici ma anche di pensieri più terreni e a carattere sensuale, nonché attento osservatore della progressiva e inesorabile decadenza del proprio ceto; infatti, con lo sbarco in Sicilia di Garibaldi e del suo esercito, va prendendo rapidamente piede un nuovo ceto, quello borghese, che il principe, dall'alto del proprio rango, guarda con malcelato disprezzo, in quanto prodotto deteriore dei nuovi tempi. L'intraprendente e amatissimo nipote Tancredi Falconeri non esita a cavalcare la nuova epoca in cerca del potere economico, combattendo tra le file dei garibaldini (e poi in quellede... more »

Giuseppe Tomasi di Lampedusa - Il Gattopardo - Premi Strega

Il racconto inizia con la recita del rosario in una delle sontuose sale del palazzo Salina, dove il principe Fabrizio, il gattopardo, abita con la moglie Stella e i loro sette figli: è un signore distinto e affascinante, raffinato cultore di studi astronomici ma anche di pensieri più terreni e a carattere sensuale, nonché attento osservatore della progressiva e inesorabile decadenza del proprio ceto; infatti, con lo sbarco in Sicilia di Garibaldi e del suo esercito, va prendendo rapidamente piede un nuovo ceto, quello borghese, che il principe, dall'alto del proprio rango, guarda con malcelato disprezzo, in quanto prodotto deteriore dei nuovi tempi. L'intraprendente e amatissimo nipote Tancredi Falconeri non esita a cavalcare la nuova epoca in cerca del potere economico, combattendo tra le file dei garibaldini (e poi in quelle dell'esercito regolare del Re di Sardegna), cercando insieme di rassicurare il titubante zio sul fatto che il corso degli eventi si volgerà alla fine a vantaggio della loro classe; è poi legato da un sentimento, in realtà più intravisto che espresso compiutamente, per la bella e raffinata cugina Concetta, profondamente innamorata di lui.


Palazzo Filangeri, ambientazione nel romanzo della dimora di Donnafugata

Il principe trascorre con tutta la famiglia le vacanze nella residenza estiva di Donnafugata; il nuovo sindaco del paese è don Calogero Sedara, un parvenu, ma molto intelligente e ambizioso, che cerca subito di entrare nelle simpatie degli aristocratici Salina, mercé il fascino della figlia Angelica, cui il passionale Tancredi non tarderà a soccombere; quella Angelica che, pur non potendo uguagliare la grazia altera di Concettina, ha dalla propria parte la non comune bellezza, per non parlare dell'ingente fortuna economica (sia pur in gran parte derivante dai possedimenti perduti dai Salina e dai Falconeri), sì che Tancredi finirà per sposare lei.

Arriva il momento di votare l'annessione della Sicilia al Regno di Sardegna: a quanti, dubbiosi sul da farsi, gli chiedono un parere sul voto, il principe, suo malgrado, risponde in maniera affermativa; e, alla fine, il plebiscito per il sì, pur non esente da trucchi, sarà unanime. In seguito, giunge a palazzo Salina un funzionario piemontese, il cavaliere Chevalley di Monterzuolo, incaricato di offrire al principe la carica di senatore del Regno, che egli rifiuta garbatamente dichiarandosi un esponente del vecchio regime, ad esso legato da vincoli di decenza. Il principe condurrà da ora in poi vita appartata fino al giorno in cui verrà serenamente a mancare, circondato dalle cure dei familiari, in una stanza d'albergo a Palermo dopo il viaggio di ritorno da Napoli, dove si era recato per cure mediche. L'ultimo capitolo del romanzo, ambientato nel 1910, racconta la vita di Carolina, Concetta e Caterina, le figlie superstiti di don Fabrizio.___

posted image

2017-01-29 20:46:42 (0 comments; 0 reshares; 4 +1s; )Open 

Paesaggi e vedute
Italia
Foto Maurizio Pontini

Paesaggi e vedute
Italia
Foto Maurizio Pontini___

posted image

2017-01-29 20:36:53 (0 comments; 0 reshares; 3 +1s; )Open 

___

posted image

2017-01-29 20:33:16 (0 comments; 0 reshares; 9 +1s; )Open 

___

posted image

2017-01-29 20:29:24 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

Magnifica Umbria! Central Italy
Foto by Maurizio Pontini

Magnifica Umbria! Central Italy
Foto by Maurizio Pontini___

posted image

2017-01-29 19:58:28 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

buon giorno!!

mia foto

buon giorno!!

mia foto___

posted image

2017-01-29 19:58:11 (1 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

È l'inizio di un giorno normale, ma è sempre un giorno speciale se possiamo ancora vedere i colori, sentire i rumori, se possiamo ancora respirare il profumo della vita...Buona domenica

È l'inizio di un giorno normale, ma è sempre un giorno speciale se possiamo ancora vedere i colori, sentire i rumori, se possiamo ancora respirare il profumo della vita...Buona domenica___

posted image

2017-01-29 19:57:34 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

Conoscere una bella persona
è come sedersi a guardare un tramonto.
(Anonimo)

Conoscere una bella persona
è come sedersi a guardare un tramonto.
(Anonimo)___

posted image

2017-01-29 19:56:50 (0 comments; 0 reshares; 2 +1s; )Open 

___

posted image

2017-01-29 19:56:12 (0 comments; 0 reshares; 4 +1s; )Open 

Beautiful Sunset...

Beautiful Sunset...___

posted image

2017-01-29 19:55:50 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

I tredici fiori della guerra
Geling Yan


Inverno 1937. La guerra è arrivata a Nanchino. Le allieve del collegio di Santa Maria Maddalena, sotto la guida di padre Engelmann, devono lasciare al più presto quel luogo in procinto di sprofondare nel terrore e nel caos. Mentre attendono sulla banchina l'arrivo del vaporetto che dovrebbe condurle a Pukou, un gruppo di soldati feriti viene fatto passare davanti a loro. Sulla barca non c'è più posto per le ragazze, e padre Engelmann non può far altro che riportarle al collegio: restare allo scoperto è pericoloso per chiunque, figuriamoci per delle fanciulle di buona famiglia terrorizzate e sotto shock. Tra loro c'è anche Shujuan, giovane zia dell'autrice. Da giorni aspetta invano che i genitori, in viaggio negli Stati Uniti, tornino a prenderla nella città assediata dai giapponesi e dalla fame. Ma quando trediciprostit... more »

I tredici fiori della guerra
Geling Yan


Inverno 1937. La guerra è arrivata a Nanchino. Le allieve del collegio di Santa Maria Maddalena, sotto la guida di padre Engelmann, devono lasciare al più presto quel luogo in procinto di sprofondare nel terrore e nel caos. Mentre attendono sulla banchina l'arrivo del vaporetto che dovrebbe condurle a Pukou, un gruppo di soldati feriti viene fatto passare davanti a loro. Sulla barca non c'è più posto per le ragazze, e padre Engelmann non può far altro che riportarle al collegio: restare allo scoperto è pericoloso per chiunque, figuriamoci per delle fanciulle di buona famiglia terrorizzate e sotto shock. Tra loro c'è anche Shujuan, giovane zia dell'autrice. Da giorni aspetta invano che i genitori, in viaggio negli Stati Uniti, tornino a prenderla nella città assediata dai giapponesi e dalla fame. Ma quando tredici prostitute poco più che bambine e un drappello di soldati cinesi si presentano al collegio in cerca di rifugio, una realtà dura e aliena quasi quanto la guerra irrompe nella vita di Shujuan e delle compagne. Costrette a fare i conti con un mondo del quale ignoravano l'esistenza, le ragazze scopriranno che i fiori più belli, a volte, si nascondono dove meno te lo aspetti.___

posted image

2017-01-28 19:52:04 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Gli spiriti non dimenticano: il mistero di Cavallo Pazzo e la tragedia dei Sioux
Vittorio Zucconi

L'epopea del giovane capo degli Oglala, la più numerosa e agguerrita tribù del popolo Sioux, Cavallo Pazzo, viene ricostruita da Zucconi ritornando sui luoghi delle grandi battaglie contro l'uomo bianco, tra cui quella di Little Big Horn.

Gli spiriti non dimenticano: il mistero di Cavallo Pazzo e la tragedia dei Sioux
Vittorio Zucconi

L'epopea del giovane capo degli Oglala, la più numerosa e agguerrita tribù del popolo Sioux, Cavallo Pazzo, viene ricostruita da Zucconi ritornando sui luoghi delle grandi battaglie contro l'uomo bianco, tra cui quella di Little Big Horn.___

posted image

2017-01-28 19:51:17 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

La ragazza oleandro
Chitra Banerjee Divakaruni

Orfana di entrambi i genitori, Korobi è stata cresciuta dai nonni come si conviene a una ragazza indiana di buona famiglia. Seria e rispettosa, porta però nel nome, "oleandro" in bengalese, la forza ostinata delle piante che sua madre tanto amava. È proprio questa tenacia a sostenerla quando, travolta da una rivelazione scioccante, a un passo dal matrimonio decide di partire per gli Stati Uniti nella speranza di far luce sulle proprie origini. A sua disposizione ha un mese di tempo e l'aiuto di Desai, un investigatore privato con base a New York. Poi dovrà rientrare in India e sposarsi. Ben presto, però, messo alla prova da una combinazione esplosiva di pressioni e fraintendimenti, il rapporto con il fidanzato Rajat comincia a vacillare. Parallelamente cresce la complicità con Vic, lo scanzonato nipote e assistente di Desai,che l... more »

La ragazza oleandro
Chitra Banerjee Divakaruni

Orfana di entrambi i genitori, Korobi è stata cresciuta dai nonni come si conviene a una ragazza indiana di buona famiglia. Seria e rispettosa, porta però nel nome, "oleandro" in bengalese, la forza ostinata delle piante che sua madre tanto amava. È proprio questa tenacia a sostenerla quando, travolta da una rivelazione scioccante, a un passo dal matrimonio decide di partire per gli Stati Uniti nella speranza di far luce sulle proprie origini. A sua disposizione ha un mese di tempo e l'aiuto di Desai, un investigatore privato con base a New York. Poi dovrà rientrare in India e sposarsi. Ben presto, però, messo alla prova da una combinazione esplosiva di pressioni e fraintendimenti, il rapporto con il fidanzato Rajat comincia a vacillare. Parallelamente cresce la complicità con Vic, lo scanzonato nipote e assistente di Desai, che la accompagna e sostiene nelle delicate fasi della ricerca. Alla fine di un viaggio pieno di insidie e verità scomode, Korobi, più matura e consapevole dei propri desideri, imboccherà la sua strada senza lasciarsi tentare dall'alternativa più semplice.___

posted image

2017-01-28 19:50:41 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Maeve Binchy - Ritorno a Tara Road

Uno scambio di casa rende due donne, Rya e Marilyn, amiche e complici. Passando dal fallimento del matrimonio di una a una tragedia improvvisa che si abbatte sull'altra, è possibile scoprire come a volte essere immersi nella vita di un'altra persona possa far accettare punti di vista fino a quel momento ignorati e che invece portano alla soluzione dei nostri problemi. Le due protagoniste gradualmente riacquistano il proprio equlibrio, e alla fine si troveranno più solidali, più sicure e senza dubbio più forti.

Maeve Binchy - Ritorno a Tara Road

Uno scambio di casa rende due donne, Rya e Marilyn, amiche e complici. Passando dal fallimento del matrimonio di una a una tragedia improvvisa che si abbatte sull'altra, è possibile scoprire come a volte essere immersi nella vita di un'altra persona possa far accettare punti di vista fino a quel momento ignorati e che invece portano alla soluzione dei nostri problemi. Le due protagoniste gradualmente riacquistano il proprio equlibrio, e alla fine si troveranno più solidali, più sicure e senza dubbio più forti.___

posted image

2017-01-28 19:50:00 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Rispondimi
Susanna Tamaro

Tre storie di dolore si intrecciano in un possente canto alla vita e ai suoi misteri. Una piccola orfana che si addestra all’odio, una madre destinata a perdere il figlio per mano della persona con cui l’ha concepito, un marito travolto dal delirio violento della gelosia: intorno a questi tre personaggi, con la loro esperienza estrema del male, si muove un mondo abitato dalla sopraffazione ma dove ancora riesce a filtrare il chiarore di una luce purificatrice.

Rispondimi
Susanna Tamaro

Tre storie di dolore si intrecciano in un possente canto alla vita e ai suoi misteri. Una piccola orfana che si addestra all’odio, una madre destinata a perdere il figlio per mano della persona con cui l’ha concepito, un marito travolto dal delirio violento della gelosia: intorno a questi tre personaggi, con la loro esperienza estrema del male, si muove un mondo abitato dalla sopraffazione ma dove ancora riesce a filtrare il chiarore di una luce purificatrice.___

posted image

2017-01-28 19:49:18 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Ragazze di campagna
Edna O'Brien

La timida e romantica Caithleen sogna l'amore, mentre la sua amica Babà, sfrontata e disinibita, è ansiosa di vivere liberamente ogni esperienza che la vita può regalare a una giovane donna. Quando l'orizzonte del loro piccolo villaggio, nella cattolicissima campagna irlandese, si fa troppo angusto, decidono di lasciare il collegio di suore in cui vivono per scappare nella grande città, in cerca d'amore ed emozioni. Alla sua pubblicazione, avvenuta nel 1960, l'esordio narrativo di Edna O'Brien, fortemente autobiografico, suscitò reazioni di sdegno e condanna che andarono ben oltre le intenzioni di una sconosciuta autrice poco più che ventenne: il libro fu bruciato sul sagrato delle chiese e messo all'indice per aver raccontato, per la prima volta con sincerità e in maniera esplicita, il desiderio di una nuova generazione didonne ... more »

Ragazze di campagna
Edna O'Brien

La timida e romantica Caithleen sogna l'amore, mentre la sua amica Babà, sfrontata e disinibita, è ansiosa di vivere liberamente ogni esperienza che la vita può regalare a una giovane donna. Quando l'orizzonte del loro piccolo villaggio, nella cattolicissima campagna irlandese, si fa troppo angusto, decidono di lasciare il collegio di suore in cui vivono per scappare nella grande città, in cerca d'amore ed emozioni. Alla sua pubblicazione, avvenuta nel 1960, l'esordio narrativo di Edna O'Brien, fortemente autobiografico, suscitò reazioni di sdegno e condanna che andarono ben oltre le intenzioni di una sconosciuta autrice poco più che ventenne: il libro fu bruciato sul sagrato delle chiese e messo all'indice per aver raccontato, per la prima volta con sincerità e in maniera esplicita, il desiderio di una nuova generazione di donne che rivendicava il diritto di poter vivere e parlare liberamente della propria sessualità.
___

posted image

2017-01-28 19:46:59 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Pietro, Paolo e Maria Maddalena: storia e leggenda dei primi seguaci di Gesù
Bart D. Ehrman

Che cosa ci dice il Nuovo Testamento dei tre più noti discepoli di Gesù Cristo? Quali sono le leggende su di loro nate e diffuse nel corso dei secoli? Pietro fu veramente crocifisso a testa in giù? Maria Maddalena era una prostituta? Paolo era davvero calvo e con le gambe arcuate? In questo saggio, Bart D. Ehrman, una delle massime autorità mondiali nel campo degli studi biblici, distingue nettamente tra fatti e credenze, presentando con chiarezza ed efficacia i complessi problemi storiografici che emergono dalla tradizione legata a questi tre personaggi. Scopriamo, così, che non esiste alcuna fonte attendibile che attesti che Maria Maddalena fosse una prostituta o che si sia unita in matrimonio con Gesù Cristo. Allo stesso modo, non esiste nessuna prova sicura sulla forma del martirio diPietro... more »

Pietro, Paolo e Maria Maddalena: storia e leggenda dei primi seguaci di Gesù
Bart D. Ehrman

Che cosa ci dice il Nuovo Testamento dei tre più noti discepoli di Gesù Cristo? Quali sono le leggende su di loro nate e diffuse nel corso dei secoli? Pietro fu veramente crocifisso a testa in giù? Maria Maddalena era una prostituta? Paolo era davvero calvo e con le gambe arcuate? In questo saggio, Bart D. Ehrman, una delle massime autorità mondiali nel campo degli studi biblici, distingue nettamente tra fatti e credenze, presentando con chiarezza ed efficacia i complessi problemi storiografici che emergono dalla tradizione legata a questi tre personaggi. Scopriamo, così, che non esiste alcuna fonte attendibile che attesti che Maria Maddalena fosse una prostituta o che si sia unita in matrimonio con Gesù Cristo. Allo stesso modo, non esiste nessuna prova sicura sulla forma del martirio di Pietro né sull'aspetto fisico e sulle presunte capacità soprannaturali di Paolo che, secondo Ehrman, sono il frutto di leggende volte ad accrescere il valore della predicazione del santo.___

posted image

2017-01-28 00:35:11 (0 comments; 0 reshares; 2 +1s; )Open 

Fire in the sky!

Fire in the sky!___

posted image

2017-01-24 21:04:21 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

La tragedia di Napoleone in Russia. 1807-1814: la fine del sogno imperiale
Dominic Lieven

Quando nel giugno 1812 Napoleone Bonaparte invade la Russia è convinto di dover affrontare truppe male armate e poco addestrate, guidate da un sovrano irresoluto, lo zar Alessandro I. Incontra invece una resistenza accanita, che lo costringe a una disastrosa ritirata, trasformando quella che doveva essere una marcia trionfale nella disfatta della Grande Armée. Dalla storia nota inizia il magistrale lavoro di Dominic Lieven sulla Russia contro Napoleone, che rende giustizia alle doti militari e alla lungimiranza strategica del sovrano russo e dei suoi generali, nonché all'eroismo e al valore dei suoi soldati e cavalleggeri. E illumina, specie sul versante russo, ogni elemento economico, militare, logistico, diplomatico, spionistico - in un racconto rigoroso e al tempo stesso avvincente, cheac... more »

La tragedia di Napoleone in Russia. 1807-1814: la fine del sogno imperiale
Dominic Lieven

Quando nel giugno 1812 Napoleone Bonaparte invade la Russia è convinto di dover affrontare truppe male armate e poco addestrate, guidate da un sovrano irresoluto, lo zar Alessandro I. Incontra invece una resistenza accanita, che lo costringe a una disastrosa ritirata, trasformando quella che doveva essere una marcia trionfale nella disfatta della Grande Armée. Dalla storia nota inizia il magistrale lavoro di Dominic Lieven sulla Russia contro Napoleone, che rende giustizia alle doti militari e alla lungimiranza strategica del sovrano russo e dei suoi generali, nonché all'eroismo e al valore dei suoi soldati e cavalleggeri. E illumina, specie sul versante russo, ogni elemento economico, militare, logistico, diplomatico, spionistico - in un racconto rigoroso e al tempo stesso avvincente, che accompagna lo zar di tutte le Russie e i suoi eserciti anche nella controffensiva attraverso l'Europa, fino all'entrata in Parigi. In un libro memorabile, gli aspetti e i retroscena meno noti - ma decisivi - di una storia famosa.___

posted image

2017-01-24 20:53:35 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Alessandro Magno: la realtà e il mito

Claude Mossé

Pochi personaggi nella storia hanno acceso tanto la fantasia come Alessandro Magno, il conquistatore macedone che in poco più di dieci anni si impadronì dell'immenso impero persiano di Dario e condusse il suo esercito fin sulle ignote rive dell'Indo. Se è vero che, all'indomani della sua morte, il favoloso impero da lui costruito si sgretolò, vittima dell'ambizione dei suoi generali, rimane il fatto che il suo breve regno segnò una rottura nella storia del bacino orientale del Mediterraneo; una rottura che fu insieme politica e culturale.

Alessandro Magno: la realtà e il mito

Claude Mossé

Pochi personaggi nella storia hanno acceso tanto la fantasia come Alessandro Magno, il conquistatore macedone che in poco più di dieci anni si impadronì dell'immenso impero persiano di Dario e condusse il suo esercito fin sulle ignote rive dell'Indo. Se è vero che, all'indomani della sua morte, il favoloso impero da lui costruito si sgretolò, vittima dell'ambizione dei suoi generali, rimane il fatto che il suo breve regno segnò una rottura nella storia del bacino orientale del Mediterraneo; una rottura che fu insieme politica e culturale.___

posted image

2017-01-24 20:40:10 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

L'imperatrice Sissi
Erika Bestenreiner

L'imperatrice Sissi è una delle figure femminili più amate e raccontate della storia moderna, una personalità segnata da violenti contrasti: bellissima e baciata dalla fortuna ma terrorizzata dalla vecchiaia e dalla morte, amante del lusso ma insofferente a ogni cerimoniale, zia affettuosa e partecipe ma madre spesso fredda e lontana, infaticabile amazzone ma fragile e anoressica. La sua vita, scandita dal drammatico alternarsi di felicità e dolore, di successi mondani e lutti strazianti, venne spezzata nel 1898 dal pugnale dell'anarchico italiano Luigi Lucheni che, uccidendola, ne fece una martire e un mito. Erika Bestenreiner ricostruisce anche le vicende meno note, ma non meno tumultuose e singolari, che caratterizzarono l'esistenza di Sissi e dei suoi fratelli. La primogenita Elena, già promessa sposa di Francesco Giuseppe,l... more »

L'imperatrice Sissi
Erika Bestenreiner

L'imperatrice Sissi è una delle figure femminili più amate e raccontate della storia moderna, una personalità segnata da violenti contrasti: bellissima e baciata dalla fortuna ma terrorizzata dalla vecchiaia e dalla morte, amante del lusso ma insofferente a ogni cerimoniale, zia affettuosa e partecipe ma madre spesso fredda e lontana, infaticabile amazzone ma fragile e anoressica. La sua vita, scandita dal drammatico alternarsi di felicità e dolore, di successi mondani e lutti strazianti, venne spezzata nel 1898 dal pugnale dell'anarchico italiano Luigi Lucheni che, uccidendola, ne fece una martire e un mito. Erika Bestenreiner ricostruisce anche le vicende meno note, ma non meno tumultuose e singolari, che caratterizzarono l'esistenza di Sissi e dei suoi fratelli. La primogenita Elena, già promessa sposa di Francesco Giuseppe, l'avvenente Maria Sofia, salita al trono delle Due Sicilie e presto costretta alla fuga dei garibaldini, Sofia Carlotta, innamorata infelice e terziaria domenicana; e infine Carlo Teodoro, laureatosi in medicina contro il volere della famiglia e divenuto uno dei più stimati oculisti d'Europa.___

posted image

2017-01-24 20:29:02 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

La mia vita
Edda Mussolini Ciano (Contessa.), Domenico Olivieri

Testimone e protagonista di numerosi eventi cruciali del nostro secolo, Edda Ciano ci consegna in questo libro, nato da una lunga intervista rilasciata all'amico Domenico Olivieri, un ritratto inedito e per molti versi sorprendente, nel quale le vicende più note della sua vita - il rapporto con il Duce, il difficile legame con la madre, la morte tragica del marito rivelano aspetti inattesi: donna Rachele accusata dalla figlia di adulterio, l'infelicità della prima notte di nozze, i ceffoni in albergo del conte Ciano geloso.

La mia vita
Edda Mussolini Ciano (Contessa.), Domenico Olivieri

Testimone e protagonista di numerosi eventi cruciali del nostro secolo, Edda Ciano ci consegna in questo libro, nato da una lunga intervista rilasciata all'amico Domenico Olivieri, un ritratto inedito e per molti versi sorprendente, nel quale le vicende più note della sua vita - il rapporto con il Duce, il difficile legame con la madre, la morte tragica del marito rivelano aspetti inattesi: donna Rachele accusata dalla figlia di adulterio, l'infelicità della prima notte di nozze, i ceffoni in albergo del conte Ciano geloso.___

posted image

2017-01-24 20:14:33 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

La vita segreta di Giuseppina Bonaparte
Carolly Erickson

Giuseppina è ancora giovanissima quando lascia la sua famiglia e la colonia francese della Martinica, dove è nata e cresciuta, per sposare l'arrogante aristocratico Alexandre de Beauharnais. Nonostante la nascita di due figli, la loro unione non è felice e, durante i turbolenti anni della Rivoluzione francese e del Terrore, Giuseppina conosce la povertà e l'orrore della prigionia, rischiando addirittura la ghigliottina.
Il suo fascino esotico e la sua inarrestabile ambizione la sorreggono però anche nei momenti più difficili, sino all'incontro con Napoleone Bonaparte, che cambierà per sempre il suo destino. Mentre lui domina sulla scena politica e sui campi di battaglia, creando un impero sterminato e incoronando se stesso e la moglie imperatori di Francia, lei diviene l'incontrastata regina dell'altasociet... more »

La vita segreta di Giuseppina Bonaparte
Carolly Erickson

Giuseppina è ancora giovanissima quando lascia la sua famiglia e la colonia francese della Martinica, dove è nata e cresciuta, per sposare l'arrogante aristocratico Alexandre de Beauharnais. Nonostante la nascita di due figli, la loro unione non è felice e, durante i turbolenti anni della Rivoluzione francese e del Terrore, Giuseppina conosce la povertà e l'orrore della prigionia, rischiando addirittura la ghigliottina.
Il suo fascino esotico e la sua inarrestabile ambizione la sorreggono però anche nei momenti più difficili, sino all'incontro con Napoleone Bonaparte, che cambierà per sempre il suo destino. Mentre lui domina sulla scena politica e sui campi di battaglia, creando un impero sterminato e incoronando se stesso e la moglie imperatori di Francia, lei diviene l'incontrastata regina dell'alta società grazie al suo irresistibile magnetismo fatto di eleganza, charme, forza e vulnerabilità. Ma dietro le apparenze si nasconde una realtà ben diversa: il cuore di Giuseppina appartiene a un altro uomo, il misterioso straniero che l'aveva conquistata molti anni prima in Martinica e che lei non può dimenticare. Carolly Erickson, famosa autrice di saggi e biografie storiche, ritorna con l'appassionante racconto della vita della prima moglie di Napoleone. Scritto in prima persona, il romanzo segue la protagonista lungo l'intero arco della sua esistenza, tracciando il ritratto a tutto tondo di una figura tanto sfaccettata e della sua epoca.___

posted image

2017-01-24 20:02:27 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Luigi XVI

Antonio Spinosa

Il 9 maggio 1774 Luigi Augusto di Borbone, duca di Berry, salì al trono di Francia con il nome di Luigi XVI. Nonostante il giudizio negativo di molti storici, che lo hanno tacciato di grettezza e indolenza, Luigi fu in realtà un uomo colto ma soprattutto un abile politico, che operò un radicale ricambio della classe di governo nell'ambito di un più ampio progetto di ammodernamento del paese. Con la maestria del narratore di storia e avvalendosi di una profonda conoscenza dell'epoca, Antonio Spinosa ci racconta la figura dell'ultimo monarca europeo asceso al trono "per diritto divino" privilegiando il suo misconosciuto aspetto di statista. Corredato di una ricca appendice di documenti, in cui spiccano il testamento del sovrano e il resoconto del suo confessore, l'abate de Firmont, che rievoca le drammatiche ore primadel... more »

Luigi XVI

Antonio Spinosa

Il 9 maggio 1774 Luigi Augusto di Borbone, duca di Berry, salì al trono di Francia con il nome di Luigi XVI. Nonostante il giudizio negativo di molti storici, che lo hanno tacciato di grettezza e indolenza, Luigi fu in realtà un uomo colto ma soprattutto un abile politico, che operò un radicale ricambio della classe di governo nell'ambito di un più ampio progetto di ammodernamento del paese. Con la maestria del narratore di storia e avvalendosi di una profonda conoscenza dell'epoca, Antonio Spinosa ci racconta la figura dell'ultimo monarca europeo asceso al trono "per diritto divino" privilegiando il suo misconosciuto aspetto di statista. Corredato di una ricca appendice di documenti, in cui spiccano il testamento del sovrano e il resoconto del suo confessore, l'abate de Firmont, che rievoca le drammatiche ore prima dell'esecuzione, Luigi XVI non è solo il racconto della vita straordinaria dell'"ultimo sole di Versailles", ma anche un superbo affresco del paesaggio da lui illuminato.___

posted image

2017-01-24 19:50:43 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Il tempio della luce
Daniela Piazza

Milano, 1447. La cattedrale di Santa Maria Nascente è ancora un cantiere in pieno fermento. Nei progetti dei signori di Milano, i Visconti, dovrà diventare il duomo più maestoso d’Europa. Ma quando Filippo Maria Visconti muore senza lasciare eredi legittimi, il Ducato rischia di precipitare nel caos, preda delle mire dei molti che aspirano a governare su quel territorio, primo fra tutti il valoroso condottiero Francesco Sforza. Ma proprio tra le navate della cattedrale, lontano da tutti gli intrighi tessuti dai pretendenti alla successione, cresce un bambino che ha nelle vene il sangue visconteo, e che potrebbe reclamare il potere per sé. Educato come un figlio dall’arcidiacono Onorio, il giovane Niccolò viene iniziato ai misteri di un’antica Confraternita che agisce nascosta sotto le fondamenta del duomo: tra rituali alchemici e trame di corte,Niccolò do... more »

Il tempio della luce
Daniela Piazza

Milano, 1447. La cattedrale di Santa Maria Nascente è ancora un cantiere in pieno fermento. Nei progetti dei signori di Milano, i Visconti, dovrà diventare il duomo più maestoso d’Europa. Ma quando Filippo Maria Visconti muore senza lasciare eredi legittimi, il Ducato rischia di precipitare nel caos, preda delle mire dei molti che aspirano a governare su quel territorio, primo fra tutti il valoroso condottiero Francesco Sforza. Ma proprio tra le navate della cattedrale, lontano da tutti gli intrighi tessuti dai pretendenti alla successione, cresce un bambino che ha nelle vene il sangue visconteo, e che potrebbe reclamare il potere per sé. Educato come un figlio dall’arcidiacono Onorio, il giovane Niccolò viene iniziato ai misteri di un’antica Confraternita che agisce nascosta sotto le fondamenta del duomo: tra rituali alchemici e trame di corte, Niccolò dovrà scegliere se percorrere la strada della Luce, o quella delle Tenebre. Un romanzo accurato e appassionante, che scava nell’animo più oscuro di una Milano antica e mai raccontata, dove le atmosfere gotiche si intrecciano con la Storia.___

posted image

2017-01-23 18:01:11 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

L' armata nel deserto. Il segreto di El Alamein
Arrigo Petacco

Nell'autunno del 1942 le forze italo-tedesche, guidate dal generale Rommel, furono sconfitte dall'VIII armata britannica del generale Montgomery. In questo volume Petacco ricostruisce l'intera campagna dell'Africa settentrionale, individuando la chiave della sconfitta di Rommel: la sistematica intercettazione dei messaggi tedeschi da parte degli Alleati, ormai in grado, grazie al decodificatore "Ultra", di decifrare "l'Enigma", il criptatore a torto ritenuto inviolabile dai tedeschi, che gettarono la responsabilità della sconfitta sui "traditori" italiani.

L' armata nel deserto. Il segreto di El Alamein
Arrigo Petacco

Nell'autunno del 1942 le forze italo-tedesche, guidate dal generale Rommel, furono sconfitte dall'VIII armata britannica del generale Montgomery. In questo volume Petacco ricostruisce l'intera campagna dell'Africa settentrionale, individuando la chiave della sconfitta di Rommel: la sistematica intercettazione dei messaggi tedeschi da parte degli Alleati, ormai in grado, grazie al decodificatore "Ultra", di decifrare "l'Enigma", il criptatore a torto ritenuto inviolabile dai tedeschi, che gettarono la responsabilità della sconfitta sui "traditori" italiani.___

posted image

2017-01-23 17:19:50 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Faccetta nera
Arrigo Petacco

Un saggio nel quale Arrigo Petacco ripercorre l'intero arco dell'avventura coloniale italiana, segnata da un alternarsi di conquiste e disfatte: dalla creazione della colonia eritrea nel 1890 alla "vergogna di Adua" del 1896; dalle complesse vicende diplomatiche che precedettero l'invasione dell'Etiopia nel 1935 alle "inique sanzioni" inflitte all'Italia per volere soprattutto della Gran Bretagna. Intessendo il racconto di gustose annotazioni sui costumi e le mode degli italiani del periodo, l'autore si sofferma in particolar modo sulla campagna d'Abissinia, la più popolare delle guerre fasciste, che segnò l'apice del consenso popolare al regime. E per la prima volta propone la vicenda della fondazione dell'effimero impero coloniale italiano in tutta la sua complessità e in un'ottica scevra dipr... more »

Faccetta nera
Arrigo Petacco

Un saggio nel quale Arrigo Petacco ripercorre l'intero arco dell'avventura coloniale italiana, segnata da un alternarsi di conquiste e disfatte: dalla creazione della colonia eritrea nel 1890 alla "vergogna di Adua" del 1896; dalle complesse vicende diplomatiche che precedettero l'invasione dell'Etiopia nel 1935 alle "inique sanzioni" inflitte all'Italia per volere soprattutto della Gran Bretagna. Intessendo il racconto di gustose annotazioni sui costumi e le mode degli italiani del periodo, l'autore si sofferma in particolar modo sulla campagna d'Abissinia, la più popolare delle guerre fasciste, che segnò l'apice del consenso popolare al regime. E per la prima volta propone la vicenda della fondazione dell'effimero impero coloniale italiano in tutta la sua complessità e in un'ottica scevra di pregiudizi.___

posted image

2017-01-23 16:53:56 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

L'ultima crociata: quando gli Ottomani arrivarono alle porte dell'Europa
Arrigo Petacco

Dopo "La Croce e la Mezzaluna", Arrigo Petacco torna a occuparsi del conflitto tra Islam e Occidente nell'età moderna, partendo dal 1522, quando i turchi giunsero con la loro cavalleria fino a Ratisbona in Germania, mentre il grosso dell'esercito, guidato da Solimano il Magnifico, assediava Vienna. L'arrivo dell'inverno concluse la campagna militare ottomana, ma la capitale degli Asburgo rimarrà costantemente in pericolo per quasi due secoli. Nel 1683, infatti, i giannizzeri sono di nuovo sotto le mura viennesi, e proprio da Ratisbona la Dieta imperiale proclama l'ultima crociata che, dopo la vittoria di Eugenio di Savoia, generale al servizio degli Asburgo, sull'esercito della Sublime Porta a Zenda nei Balcani, porrà definitivamente fine alla minacciais... more »

L'ultima crociata: quando gli Ottomani arrivarono alle porte dell'Europa
Arrigo Petacco

Dopo "La Croce e la Mezzaluna", Arrigo Petacco torna a occuparsi del conflitto tra Islam e Occidente nell'età moderna, partendo dal 1522, quando i turchi giunsero con la loro cavalleria fino a Ratisbona in Germania, mentre il grosso dell'esercito, guidato da Solimano il Magnifico, assediava Vienna. L'arrivo dell'inverno concluse la campagna militare ottomana, ma la capitale degli Asburgo rimarrà costantemente in pericolo per quasi due secoli. Nel 1683, infatti, i giannizzeri sono di nuovo sotto le mura viennesi, e proprio da Ratisbona la Dieta imperiale proclama l'ultima crociata che, dopo la vittoria di Eugenio di Savoia, generale al servizio degli Asburgo, sull'esercito della Sublime Porta a Zenda nei Balcani, porrà definitivamente fine alla minaccia islamica. Ecco allora che, secondo l'autore, il discorso pronunciato da Benedetto XVI a Ratisbona nel settembre del 2006 assume nuovi significati e in quella che è stata l'ultima grande impresa della cristianità unita - liberare per sempre l'Europa dalla minaccia di un'invasione musulmana - si può forse leggere in filigrana una vicenda di attualità.___

posted image

2017-01-22 20:26:17 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

Nuvola Rossa e il suo popolo
George E. Hyde

Dopo una panoramica sugli avvenimenti dei secoli XVII e XVIII, l'attenzione dell'autore si concentra sui fatti del XIX secolo, in particolare sulle vicende che coinvolsero, politicamente e militarmente, due indiscussi capi Sioux, Nuvola Rossa e Coda Chiazzata. Non si tratta di un libro biografico ma più generalmente storico. Di qui l'analisi dei trattati stipulati tra Bianchi e Uomini Rossi, il sorgere degli avamposti militari e commerciali, le battaglie, i piccoli scontri, gli errori di valutazione commessi da una parte e dall'altra e anche la cecità di quel Partito della Pace che nell'Est si arroccò su posizioni in definitiva sterili, contribuendo, all'annientamento di quello stesso popolo che invece voleva salvare.

Nuvola Rossa e il suo popolo
George E. Hyde

Dopo una panoramica sugli avvenimenti dei secoli XVII e XVIII, l'attenzione dell'autore si concentra sui fatti del XIX secolo, in particolare sulle vicende che coinvolsero, politicamente e militarmente, due indiscussi capi Sioux, Nuvola Rossa e Coda Chiazzata. Non si tratta di un libro biografico ma più generalmente storico. Di qui l'analisi dei trattati stipulati tra Bianchi e Uomini Rossi, il sorgere degli avamposti militari e commerciali, le battaglie, i piccoli scontri, gli errori di valutazione commessi da una parte e dall'altra e anche la cecità di quel Partito della Pace che nell'Est si arroccò su posizioni in definitiva sterili, contribuendo, all'annientamento di quello stesso popolo che invece voleva salvare.___

posted image

2017-01-22 19:45:02 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Richard J. Evans
La nascita del Terzo Reich

Agli inizi del Novecento la Germania era considerata una delle nazioni più avanzate e intraprendenti. Come è stato possibile che in poco più di una generazione questo paese democratico, tollerante, equilibrato e moderno abbia potuto gettare l'Europa nel baratro della disperazione e della rovina morale, fisica e culturale? Alla luce della documentazione resasi di recente disponibile, Richard J. Evans riscrive la storia di quello che nella coscienza collettiva resta il più tragico e inspiegabile periodo del XX secolo, includendo gli eventi militari e politici, quelli sociali e psicologici e studiando anche le vita quotidiana del popolo tedesco. Un racconto inquietante che, in modo autorevole ma emotivamente coinvolto, rintraccia le radici del Terzo Reich e descrive la successione fatale di circostanze che ha permesso che si arrivasse allapre... more »

Richard J. Evans
La nascita del Terzo Reich

Agli inizi del Novecento la Germania era considerata una delle nazioni più avanzate e intraprendenti. Come è stato possibile che in poco più di una generazione questo paese democratico, tollerante, equilibrato e moderno abbia potuto gettare l'Europa nel baratro della disperazione e della rovina morale, fisica e culturale? Alla luce della documentazione resasi di recente disponibile, Richard J. Evans riscrive la storia di quello che nella coscienza collettiva resta il più tragico e inspiegabile periodo del XX secolo, includendo gli eventi militari e politici, quelli sociali e psicologici e studiando anche le vita quotidiana del popolo tedesco. Un racconto inquietante che, in modo autorevole ma emotivamente coinvolto, rintraccia le radici del Terzo Reich e descrive la successione fatale di circostanze che ha permesso che si arrivasse alla presa del potere di Hitler e del nazismo. Un evento che avrebbe cambiato il mondo e con cui ancora oggi dobbiamo fare i conti.___

posted image

2017-01-22 18:56:28 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 


L'Impero Inca
Michael E. Moseley

La civiltà degli Inca era il risultato del succedersi di culture secolari che avevano lasciato un'eredità stupefacente: Chavin, Moche, Nazca, Huari e Chimù. Il volume ripercorre, come in un viaggio avventuroso, questa storia, partendo dai primi insediamenti andini risalenti a diecimila anni prima della nostra era, per giungere fino alla conquista spagnola. Alla luce dei risultati delle ricerche degli ultimi due decenni, Michael E. Moseley traccia un quadro dell'incessante lotta millenaria che le genti andine condussero per adattarsi a condizioni naturali ostili, spesso in ambienti estremi, dal terribile e arido deserto costiero ai gelidi territori degli altipiani.


L'Impero Inca
Michael E. Moseley

La civiltà degli Inca era il risultato del succedersi di culture secolari che avevano lasciato un'eredità stupefacente: Chavin, Moche, Nazca, Huari e Chimù. Il volume ripercorre, come in un viaggio avventuroso, questa storia, partendo dai primi insediamenti andini risalenti a diecimila anni prima della nostra era, per giungere fino alla conquista spagnola. Alla luce dei risultati delle ricerche degli ultimi due decenni, Michael E. Moseley traccia un quadro dell'incessante lotta millenaria che le genti andine condussero per adattarsi a condizioni naturali ostili, spesso in ambienti estremi, dal terribile e arido deserto costiero ai gelidi territori degli altipiani.___

posted image

2017-01-22 18:04:33 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

I guerrieri di terracotta. I codici segreti dell'armata dell'Imperatore
Maurice M. Cotterell


Nel 1974 un contadino di Xian, scavando nel suo campo, diede l'avvio a una delle maggiori scoperte archeologiche del XX secolo: un esercito di ottomila guerrieri di terracotta diversi per altezza, espressioni e vesti, a guardia di una collina artificiale che nasconde un'immensa piramide, il monumento sepolcrale di Ch'in Shi Huangdi, primo imperatore della Cina unita. La tomba non è stata ancora aperta: la spiegazione ufficiale è che è meglio attendere per raggiungere conoscenze tecnologiche tali da non danneggiarla. La leggenda narra però che sia protetta da sistemi di difesa mortali. Con la sua conoscenza di come e perché gli antichi celavano informazioni nei loro tesori, l'autore decodifica i simboli che nascondono i messaggi dell'imperatore.

I guerrieri di terracotta. I codici segreti dell'armata dell'Imperatore
Maurice M. Cotterell


Nel 1974 un contadino di Xian, scavando nel suo campo, diede l'avvio a una delle maggiori scoperte archeologiche del XX secolo: un esercito di ottomila guerrieri di terracotta diversi per altezza, espressioni e vesti, a guardia di una collina artificiale che nasconde un'immensa piramide, il monumento sepolcrale di Ch'in Shi Huangdi, primo imperatore della Cina unita. La tomba non è stata ancora aperta: la spiegazione ufficiale è che è meglio attendere per raggiungere conoscenze tecnologiche tali da non danneggiarla. La leggenda narra però che sia protetta da sistemi di difesa mortali. Con la sua conoscenza di come e perché gli antichi celavano informazioni nei loro tesori, l'autore decodifica i simboli che nascondono i messaggi dell'imperatore.___

posted image

2017-01-22 17:48:58 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

I miei giorni a Baghdad

Lilli Gruber

“Con questo libro ho preso in considerazione i diversi aspetti di una guerra che sta definendo la nostra storia contemporanea, e le cui conseguenze per la nostra sicurezza e per il nostro modo di vivere saranno incisive e durature”: così Lilli Gruber introduce il suo reportage sulla guerra in Iraq, una testimonianza d’eccezione su un conflitto che ancora oggi continua ad avere drammatiche conseguenze sulla situazione politica mondiale. In un itinerario che contrappone alla retorica della “guerra giusta” la realtà dei fatti osservati sul campo, l’autrice ripercorre le tappe di un’illusoria marcia trionfale trasformatasi in un calvario senza uscita: l’ingresso in Iraq dell’esercito statunitense nella primavera del 2003; i bombardamenti e la rabbia della popolazione colpita; l’inizio della “resistenza” irachena e la lungaserie di attentati a sold... more »

I miei giorni a Baghdad

Lilli Gruber

“Con questo libro ho preso in considerazione i diversi aspetti di una guerra che sta definendo la nostra storia contemporanea, e le cui conseguenze per la nostra sicurezza e per il nostro modo di vivere saranno incisive e durature”: così Lilli Gruber introduce il suo reportage sulla guerra in Iraq, una testimonianza d’eccezione su un conflitto che ancora oggi continua ad avere drammatiche conseguenze sulla situazione politica mondiale. In un itinerario che contrappone alla retorica della “guerra giusta” la realtà dei fatti osservati sul campo, l’autrice ripercorre le tappe di un’illusoria marcia trionfale trasformatasi in un calvario senza uscita: l’ingresso in Iraq dell’esercito statunitense nella primavera del 2003; i bombardamenti e la rabbia della popolazione colpita; l’inizio della “resistenza” irachena e la lunga serie di attentati a soldati e civili; la crescita inarrestabile delle violenze interne e il definitivo crollo delle speranze di una rapida stabilizzazione. Una ricostruzione indelebile del primo grande conflitto del terzo millennio, un’opera preziosa per risalire all’origine delle tensioni e dei conflitti in cui è imprigionato il Medio Oriente e, con esso, il mondo intero.___

posted image

2017-01-22 17:18:34 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Frank Schätzing - Il Quinto Giorno

Struttura
La vicenda si svolge dal 14 gennaio al 15 agosto del 2005 e si divide in cinque parti: Anomalie, Château Disaster, Indipendence, Discesa e Contatto, che al loro volta si dividono nei vari giorni e nei vari luoghi in cui avviene la vicenda, e inoltre vi sono un prologo e un epilogo. La prima parte occupa circa metà del romanzo mentre le ultime due coprono ciascuna solo una piccola parte della vicenda. Inoltre la narrazione delle vicende dell'ultimo giorno trattato copre una buona fetta della terza parte e interamente le ultime.

Trama
Il romanzo tratta di una crisi globale venutasi a creare a causa di alcuni eventi inspiegabili causati dal mare. In Europa e in America scoppia una pandemia, compaiono nuove specie di vermi che iniziano a corrodere gli idrati di metano sottomarini e gli animali marini, come le orche, le meduse ei ... more »

Frank Schätzing - Il Quinto Giorno

Struttura
La vicenda si svolge dal 14 gennaio al 15 agosto del 2005 e si divide in cinque parti: Anomalie, Château Disaster, Indipendence, Discesa e Contatto, che al loro volta si dividono nei vari giorni e nei vari luoghi in cui avviene la vicenda, e inoltre vi sono un prologo e un epilogo. La prima parte occupa circa metà del romanzo mentre le ultime due coprono ciascuna solo una piccola parte della vicenda. Inoltre la narrazione delle vicende dell'ultimo giorno trattato copre una buona fetta della terza parte e interamente le ultime.

Trama
Il romanzo tratta di una crisi globale venutasi a creare a causa di alcuni eventi inspiegabili causati dal mare. In Europa e in America scoppia una pandemia, compaiono nuove specie di vermi che iniziano a corrodere gli idrati di metano sottomarini e gli animali marini, come le orche, le meduse e i granchi, attaccano navi e coste bloccando il commercio marittimo globale. Molti scienziati vengono a confrontarsi con la crisi, ma uno di loro, il biologo marino Sigur Johanson, ha un'idea, chiamata il quinto giorno che spiegherebbe tutto ma metterebbe anche in dubbio il dominio dell'uomo sulla Terra e numerosi preconcetti umani, derivanti sia dalla scienza, che dalla religione.

Personaggi
Come in altri romanzi dello stesso autore, si raccontano le vicende di un alto numero di personaggi, di cui vengono bene approfondite la storia, la vita personale e la psicologia e che spesso agiscono in parallelo e in luoghi diversi. La lista comprende tutti i personaggi principali intorno a cui ruota la vicenda centrale.

Sigur Johanson, biologo marino.
Leon Anawak, esperto in intelligenza animale.
Juan Narciso Ucañan, pescatore.
Jack O'Bannon Greywolf, ex membro della marina, esperto nella comunicazione dei cetacei.
Judith Li, presidente del consiglio di sicurezza degli USA.
Tina Lund, scienziata di una compagnia petrolifera.
Kare Sverdrup, cuoco e compagno di Tina.
Clifford Stone, membro del consiglio di amministrazione di una compagnia petrolifera.
Samantha Crowe, ricercatrice del SETI.
Karen Weaver, giornalista e scienziata.
Alicia Delaware, studentessa.
Gerhard Bohrmann, geologo.
Mick Rubin, soldato e biologo.
Salomon Peak, soldato.
Jack Vanderblit, vice direttore della CIA.
Sue Oliviera, scienziata.
Susan Stringer, scienziata.
Tom Shoemaker, scienziato.
Kate Ann Browing, scienziata.
Stanley Frost, scienziato.
Bernard Roche, membro di amministrazione di una compagnia petrolifera
Murray Shankar, scienziato.
Ijitsiaq Akesuk, indiano, zio di Anawak.
Lucas Bauer, oceanografo.___

posted image

2017-01-21 21:13:24 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Ascolta la mia voce
Susanna Tamaro

Cosa ne è stato della nipote di Olga, la nonna protagonista di "Va' dove ti porta il cuore?". È tornata dall'America in tempo per riappacificarsi con la nonna o ha trovato solo la lunga lettera diario a lei indirizzata? E se il destino le avesse riservato invece una terza ipotesi che esclude le precedenti? Se, vagando per le stanze di quella grande casa, la solitudine l'avesse spinta a salire in soffitta a cercare tracce delle due uniche persone che davvero avrebbe voluto conoscere: sua madre e suo padre? Chi erano? Qual è stata la loro storia? È davvero figlia di un principe turco, come le raccontava la nonna da bambina, o c'è qualcosa che chiede ancora di essere svelato? Alla ricerca di quel segreto, la ragazza scava tra bauli, carte e quaderni ingialliti ricomponendo, pagina dopo pagina, i vari tasselli di un mosaicogene... more »

Ascolta la mia voce
Susanna Tamaro

Cosa ne è stato della nipote di Olga, la nonna protagonista di "Va' dove ti porta il cuore?". È tornata dall'America in tempo per riappacificarsi con la nonna o ha trovato solo la lunga lettera diario a lei indirizzata? E se il destino le avesse riservato invece una terza ipotesi che esclude le precedenti? Se, vagando per le stanze di quella grande casa, la solitudine l'avesse spinta a salire in soffitta a cercare tracce delle due uniche persone che davvero avrebbe voluto conoscere: sua madre e suo padre? Chi erano? Qual è stata la loro storia? È davvero figlia di un principe turco, come le raccontava la nonna da bambina, o c'è qualcosa che chiede ancora di essere svelato? Alla ricerca di quel segreto, la ragazza scava tra bauli, carte e quaderni ingialliti ricomponendo, pagina dopo pagina, i vari tasselli di un mosaico generazionale. Scopre così, in un diario, le fragilità, i sogni e le inquietudini di sua madre Ilaria, studentessa di filosofia, affascinata da un professore di vent'anni più vecchio di lei. Scopre che un anziano prozio si è rifugiato in un paese lontano per sfuggire alle leggi razziali e da laggiù ha continuato a mandare sporadiche notizie. Forte di questi pochi indizi, la ragazza deciderà di andare alla ricerca del padre e di quel lontano zio, in un viaggio che la condurrà alle origini della propria inquietudine. Con una nuova introduzione dell'autrice.___

posted image

2017-01-21 21:00:06 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Donne informate sui fatti
Carlo Fruttero

Otto donne, e ciascuna ha visto o sentito uno spicchio dei "fatti" in questione, ciascuna porta al lettore ciò che sa, o crede di sapere, o non sa di sapere, o finge di non sapere. Otto voci, incalzanti, divaganti, intenerite, rabbiose, pietose, che si susseguono, si intrecciano, si smentiscono lungo quella freccia che il narratore ha scagliato a partire dal cadavere di una misteriosa ragazza, "Milena la bellissima, Milena la santa santissima" (dice qualcuno acidamente di lei). Misteriosa sul momento, perché dalla banca dati dell'Arma arriva in poche ore quanto serve all'inchiesta. Resta sospeso il perché: un truce delitto di malavita, forse. Una resa dei conti, una lezione. O forse un ingorgo più torbido, uno sbocco tortuosamente, crudelmente vendicativo a più alto e insospettabile livello.

Donne informate sui fatti
Carlo Fruttero

Otto donne, e ciascuna ha visto o sentito uno spicchio dei "fatti" in questione, ciascuna porta al lettore ciò che sa, o crede di sapere, o non sa di sapere, o finge di non sapere. Otto voci, incalzanti, divaganti, intenerite, rabbiose, pietose, che si susseguono, si intrecciano, si smentiscono lungo quella freccia che il narratore ha scagliato a partire dal cadavere di una misteriosa ragazza, "Milena la bellissima, Milena la santa santissima" (dice qualcuno acidamente di lei). Misteriosa sul momento, perché dalla banca dati dell'Arma arriva in poche ore quanto serve all'inchiesta. Resta sospeso il perché: un truce delitto di malavita, forse. Una resa dei conti, una lezione. O forse un ingorgo più torbido, uno sbocco tortuosamente, crudelmente vendicativo a più alto e insospettabile livello.___

posted image

2017-01-21 20:06:30 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

O Roma o morte: 1861-1870, la tormentata conquista dell'unità d'Italia
Arrigo Petacco

"È notorio" scriveva Massimo d'Azeglio pochi giorni dopo la proclamazione dell'unità d'Italia "che, briganti o non briganti, i napoletani non ne vogliono sapere di noi e che ci vogliono sessanta battaglioni, e pare che non bastino, per tenerci quel regno. Forse c'è stato qualche errore..." Era il 1861. L'Italia non era ancora fatta, anche se era già stata proclamata regno. Sfumato il progetto federalista di Cavour, il sogno unitario di Garibaldi e di Mazzini tardava a realizzarsi. Per tutto il decennio successivo il neonato Regno d'Italia, privato della lucida guida del "tessitore", morto anzitempo, fu affidato a uomini che non erano all'altezza del grande statista. Invece di attuare l'ampio decentramento regionale da lui auspicato,si p... more »

O Roma o morte: 1861-1870, la tormentata conquista dell'unità d'Italia
Arrigo Petacco

"È notorio" scriveva Massimo d'Azeglio pochi giorni dopo la proclamazione dell'unità d'Italia "che, briganti o non briganti, i napoletani non ne vogliono sapere di noi e che ci vogliono sessanta battaglioni, e pare che non bastino, per tenerci quel regno. Forse c'è stato qualche errore..." Era il 1861. L'Italia non era ancora fatta, anche se era già stata proclamata regno. Sfumato il progetto federalista di Cavour, il sogno unitario di Garibaldi e di Mazzini tardava a realizzarsi. Per tutto il decennio successivo il neonato Regno d'Italia, privato della lucida guida del "tessitore", morto anzitempo, fu affidato a uomini che non erano all'altezza del grande statista. Invece di attuare l'ampio decentramento regionale da lui auspicato, si preferì rinviarlo "provvisoriamente" e "piemontesizzare" il paese, trasferendo pari pari lo Statuto albertino del vecchio Regno di Sardegna nelle regioni annesse. Le insorgenze che seguirono nell'Italia meridionale furono scambiate per mero brigantaggio da liquidare con la forza, ignorando le motivazioni sociali che le alimentavano. Ne derivò una sorta di guerra civile che insanguinò per anni il paese. Inoltre la rozza campagna anticlericale, pur giustificata dalla stolta politica temporale di Pio IX, divise gli italiani anche nel campo della religione, l'unico collante che avrebbe potuto tenerli insieme.___

posted image

2017-01-21 19:50:19 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Un cuore pulito
Romano Battaglia

In un monastero di padri carmelitani, dove si è recato a trascorrere un periodo di riflessione, l'autore incontra un monaco francese. Si chiama Dominique De La Salle e corre voce che sia un santo. Del suo passato si sa pochissimo: ha insegnato alla Sorbona e ha viaggiato molto, poi, in seguito a una delusione, ha abbandonato tutto per andare a vivere sotto i ponti della Senna tra clochard e prostitute. La sera in cui, disperato, ha deciso di porre fine alla sua esistenza è entrato in una chiesa per chiedere perdono e lì la fede gli ha indicato una possibile strada di salvezza. Con un "Preavviso" di Mario Luzi.

Un cuore pulito
Romano Battaglia

In un monastero di padri carmelitani, dove si è recato a trascorrere un periodo di riflessione, l'autore incontra un monaco francese. Si chiama Dominique De La Salle e corre voce che sia un santo. Del suo passato si sa pochissimo: ha insegnato alla Sorbona e ha viaggiato molto, poi, in seguito a una delusione, ha abbandonato tutto per andare a vivere sotto i ponti della Senna tra clochard e prostitute. La sera in cui, disperato, ha deciso di porre fine alla sua esistenza è entrato in una chiesa per chiedere perdono e lì la fede gli ha indicato una possibile strada di salvezza. Con un "Preavviso" di Mario Luzi.___

posted image

2017-01-21 19:31:32 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Le ali della sfinge - La pista di sabbia
Andrea Camilleri

Per il commissario Montalbano due nuovi, enigmatici casi. Ma con la stessa Sicilia e gli stessi personaggi di sempre.Gli ingredienti sono quelli noti: una Sicilia inquieta e oscura, i pantani della legge e della politica, la prolissa incompetenza dei superiori e le invenzioni verbali di Catarella. E poi, ancora, gli “stranguglioni” e l’umore “nìvuro”, i teatrini e le golosità... Ma in una diversa composizione. In Le ali della sfinge, mentre Montalbano indaga sull’omicidio di una bellissima donna con una farfalla tatuata su una scapola, l’eterna relazione con Livia sembra arrivare a un punto critico. O, meglio, a una lenta immersione nelle sabbie mobili. In La pista di sabbia il commissario scivola invece nel cuore di uno dei tanti incubi che tormentano le sue notti: sogni stranamente agitati e il mistero di un cavallomorente, colpit... more »

Le ali della sfinge - La pista di sabbia
Andrea Camilleri

Per il commissario Montalbano due nuovi, enigmatici casi. Ma con la stessa Sicilia e gli stessi personaggi di sempre.Gli ingredienti sono quelli noti: una Sicilia inquieta e oscura, i pantani della legge e della politica, la prolissa incompetenza dei superiori e le invenzioni verbali di Catarella. E poi, ancora, gli “stranguglioni” e l’umore “nìvuro”, i teatrini e le golosità... Ma in una diversa composizione. In Le ali della sfinge, mentre Montalbano indaga sull’omicidio di una bellissima donna con una farfalla tatuata su una scapola, l’eterna relazione con Livia sembra arrivare a un punto critico. O, meglio, a una lenta immersione nelle sabbie mobili. In La pista di sabbia il commissario scivola invece nel cuore di uno dei tanti incubi che tormentano le sue notti: sogni stranamente agitati e il mistero di un cavallo morente, colpito da mano umana sotto la sua finestra. Un destriero che appartiene a una ragazza svizzera al cui fascino Montalbano è tutt’altro che insensibile. Turbolenze sentimentali che lo accompagnano, nella prima storia, dentro un giro di prostituzione e di furti orchestrati da un’organizzazione fintamente umanitaria. E, nella seconda, in una vicenda di mafia e scommesse clandestine, dove gli omicidi, i ricatti e le false piste si intrecciano e si confondono, fino a fargli dubitare di essere lui stesso un “cavallo”, condotto da eventi che non sa decifrare... Due splendide storie, per mesi in vetta alle classifiche e riunite qui in un unico volume. Per raccontarci un personaggio e un mondo sempre e ancora da scoprire.___

posted image

2017-01-21 18:09:42 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Andrea Camilleri - La vampa d'agosto
Livia chiede a Montalbano di cercare una casa sul mare in affitto per la settimana di Ferragosto, per una famiglia di suoi amici genovesi con un bambino piccolo. Solo per un caso fortunato il commissario, nell'affollamento del mese di agosto, riesce a trovare una villa proprio come la vuole Livia. Ben presto però la scelta di Montalbano non apparirà così fortunata.

I guai cominciano già fin dal terzo giorno di vacanza della famiglia genovese. Durante la notte la casa viene invasa dagli scarafaggi. Dopo la disinfestazione sembra tornata la normalità che invece si rompe il quinto giorno per una seconda invasione: questa volta di piccoli topi. Seconda disinfestazione. La terza invasione non è senza conseguenze. L'amica di Livia, Laura aveva coraggiosamente fronteggiato le scorrerie dei topi ma questa volta non resiste all'attacco diragni... more »

Andrea Camilleri - La vampa d'agosto
Livia chiede a Montalbano di cercare una casa sul mare in affitto per la settimana di Ferragosto, per una famiglia di suoi amici genovesi con un bambino piccolo. Solo per un caso fortunato il commissario, nell'affollamento del mese di agosto, riesce a trovare una villa proprio come la vuole Livia. Ben presto però la scelta di Montalbano non apparirà così fortunata.

I guai cominciano già fin dal terzo giorno di vacanza della famiglia genovese. Durante la notte la casa viene invasa dagli scarafaggi. Dopo la disinfestazione sembra tornata la normalità che invece si rompe il quinto giorno per una seconda invasione: questa volta di piccoli topi. Seconda disinfestazione. La terza invasione non è senza conseguenze. L'amica di Livia, Laura aveva coraggiosamente fronteggiato le scorrerie dei topi ma questa volta non resiste all'attacco di ragni d'ogni genere che scorrazzano per la cucina. Per lo spavento e il ribrezzo cade svenuta ferendosi alla testa. A complicare le cose ci si mette il gatto randagio, che ostinatamente il piccolo Bruno ha voluto adottare chiamandolo Ruggero. Il marito di Laura, Guido, per soccorrere la moglie corre inciampando proprio nel gatto, che per conto suo stava scappando dal trambusto, e cadendo si ferisce anche lui. Nel frattempo il piccolo, risvegliato dal rumore, scendendo dal letto fa cadere un bicchiere d'acqua dal comodino e si ferisce un piede su i frammenti di vetro. Insomma non si salva nessuno della disgraziata famiglia genovese, neppure il gatto che dallo scontro con Guido è rimasto zoppicante.

Quando tutto sembra finalmente risolto e tornata la pace, il bambino scompare insieme al gatto Ruggero nel cortile della villetta. Sarà proprio il gatto, che appare e scompare, che farà ritrovare dal commissario Montalbano, chiamato da Livia in veste ufficiale, il bambino scomparso. Seguendo le tracce del gatto e ottenendone l'interessata collaborazione con piattini di pesce, Montalbano scopre che il bambino si è andato a ficcare in quella che, inizialmente, sembra essere una cavità del terreno vicino alla villetta.

I vigili del fuoco, intervenuti per soccorrere Bruno, scoprono che in realtà la cavità è un piano della villetta, fatto costruire abusivamente e poi sotterrato in attesa dell'immancabile condono edilizio. Era da lì che venivano le invasioni. La curiosità e l'intuito dello sbirro fanno scoprire a Montalbano in un vecchio baule che non capiva che cosa ci facesse nel salone del tutto vuoto del piano abusivo, il cadavere di una ragazza sedicenne, stuprata anche analmente e uccisa anni prima e avvolta in teli di plastica.

Inizialmente Montalbano sospetta il figlio del primo proprietario della casetta, un ragazzo tedesco di padre siciliano, morto anch'esso poco dopo la ragazza, che pare fosse matto. Ma la verità viene poco alla volta a galla, anche grazie alla bellissima Adriana, gemella della vittima, e la storia da grottesca diviene tragica coinvolgendo Montalbano che per la prima volta ne esce sconfitto professionalmente e sentimentalmente.___

posted image

2017-01-21 17:45:23 (0 comments; 0 reshares; 1 +1s; )Open 

Idi di marzo
TRAMA

Roma, inizi di marzo del 44 a.C. Gaio Giulio Cesare, il Pontifex Maximus e dittatore perpetuo che ha assoggettato il mondo alla legge romana, è un uomo di cinquantasei anni, solo in apparenza nel pieno della sua prestanza fisica e psichica. In realtà è stanco e malato per le tante battaglie affrontate, come una belva fiaccata e rinchiusa nella gabbia dei propri incubi spaventosi, intrisi del sangue che macchiava i campi di battaglia da lui calcati. La missione di cui si sente investito - chiudere la sanguinosa stagione delle guerre fratricide, riconciliare le fazioni, salvare il mondo e la civiltà di Roma - vacilla paurosamente sotto i colpi martellanti e subdoli dei complotti di palazzo, orditi da chi vede in lui il tiranno efferato, colpevole, dopo lo strappo del Rubicone, di aver messo per sempre fine alla libertà della repubblica.

La congiura incalzaimpl... more »

Idi di marzo
TRAMA

Roma, inizi di marzo del 44 a.C. Gaio Giulio Cesare, il Pontifex Maximus e dittatore perpetuo che ha assoggettato il mondo alla legge romana, è un uomo di cinquantasei anni, solo in apparenza nel pieno della sua prestanza fisica e psichica. In realtà è stanco e malato per le tante battaglie affrontate, come una belva fiaccata e rinchiusa nella gabbia dei propri incubi spaventosi, intrisi del sangue che macchiava i campi di battaglia da lui calcati. La missione di cui si sente investito - chiudere la sanguinosa stagione delle guerre fratricide, riconciliare le fazioni, salvare il mondo e la civiltà di Roma - vacilla paurosamente sotto i colpi martellanti e subdoli dei complotti di palazzo, orditi da chi vede in lui il tiranno efferato, colpevole, dopo lo strappo del Rubicone, di aver messo per sempre fine alla libertà della repubblica.

La congiura incalza implacabile, portata avanti da Marco Giunio Bruto e da Cassio Longino, entrambi insospettabili amici di Cesare e mentre Publio Sestio Baculo, il più fedele legionario di Cesare, compagno di mille battaglie, si lancia lungo le strade che portano a Roma in una spasmodica corsa contro il tempo per tentare di salvargli la vita, vanno in fumo uno dopo l'altro anche gli sforzi delle persone che gli sono care per cambiare il destino di Cesare e, quindi, del mondo conosciuto. I presagi, tra i quali quello della moglie Calpurnia, si compiranno, le Idi di marzo arriveranno implacabili e segneranno l'inizio di una nuova era di guerre civili devastanti.



PERSONAGGI

Gaio Giulio Cesare: è il Cesare cinquantenne, stressato da una serie di sanguinose battaglie e campagne repressive che lo portano a frequenti incubi e ad attacchi di epilessia. Si fida ciecamente dei suoi senatori, a tal punto da non farsi più scortare dalla sua guardia ispanica ("i tiranni lo fanno", dice). Tradisce la sua fedele Calpurnia con Servilia, madre di Bruto, e con Cleopatra, dalla quale avrà anche un figlio, Cesarione, soppresso da Ottaviano;
Silio Salvidieno: personaggio di fantasia, è il tuttofare di Giulio Cesare e ha la massima premura per lui. Sarà rinchiuso da Antonio nei giorni cruciali per la congiura per evitare che rivelasse i nomi dei congiurati. Ha un ruolo fondamentale per il romanzo, specie per le sue riflessioni;
Antistio: personaggio ispirato ad un medico realmente esistito e citato da Svetonio, è il medico personale di Cesare, nonché sua guida e consigliere insieme a Silio. È tenuto in alta considerazione da tutta Roma per i suoi prodigiosi rimedi e per il suo ordine e metodo;
Publio Sestio Baculo: personaggio ispirato ad un centurione della Dodicesima Legione Gallica realmente esistito (vedi link) dalle capacità eroiche ineccepibili, utilizzato da Cesare come spia reale e come uomo di fiducia. Intraprenderà una lotta contro il tempo logorante per giungere a Roma con l'estremo messaggio per Cesare: "L'AQUILA È IN PERICOLO";
Cleopatra: donna spregiudicata e regina d'Egitto, è l'amante di Cesare con Servilia. Ostenta il suo leggendario fascino esotico ed ammalierà anche Marco Antonio, con conseguenze non proprio favorevoli per la quiete romana post-Cesare;
Marco Antonio: è la figura militare più spregiudicata del romanzo, capace di sfruttare la morte del suo più caro amico (Cesare) per impossessarsi del trono romano, scatenando una serie di guerre civili devastanti per Roma;
Marco Emilio Lepido: è uno degli uomini più fidati di Cesare e a lui devoti. Combattente coraggioso, sarà pronto a schierarsi, accecato dal desiderio di vendetta contro i congiurati, con Antonio, pur non rendendosi conto della personalità avida del suo alleato;
Marco Junio Bruto: è l'ideatore della congiura con Cassio. Mostra, nel corso del romanzo, un estremo fanatismo per suo zio, Catone l'Uticense, e ha sugli altri congiurati un forte ascendente. Sarà l'ultimo a colpire Cesare, all'inguine;
Cassio Longino: secondo ideatore della congiura, morirà con Bruto a Filippi, nello scontro decisivo. L'autore lo descrive come una persona cupa, tetra e segaligna, che non lascia trasparire il suo pensiero neanche da un gesto e che è sempre nervoso e preoccupato per l'avvenire;
Gaio Trebonio - Publio Servilio Casca - Gaio Servilio Casca - Petronio - Rubrio Ruga - Decimo Bruto: altri congiurati, alcuni dei quali uomini molto fidati di Cesare;
Marco Tullio Cicerone: consumato oratore, vive la congiura da un punto di vista neutrale, per poi schierarsi da vero opportunista con i cesaricidi. Dimostra sempre un odio accecante nei confronti di Cleopatra e di Antonio, prevedendo poi ciò che sarebbe successo con la sua presenza dopo la congiura ("se non lo levate di mezzo, il vostro sforzo non sarà servito a nulla!");
Vibio e Rufo: due informatori esperti del loro mestiere e inseparabili. Anche loro intraprendono una lotta contro il tempo per arrivare il più velocemente possibile a Roma e consegnare il messaggio per la salvezza di Cesare;
Tito Pomponio Attico: carissimo amico di Cicerone, è un uomo che ha deciso di lasciar perdere la politica per il resto dei suoi giorni e si è ritirato da molto a vita privata. Letterato di un certo valore, ha intrattenuto con Cicerone una fitta corrispondenza pervenuta fino ai giorni nostri;
Sergio Quintiliano: personaggio di fantasia. Veterano di Pompeo, vive di rimorsi, di lutti e di vendette, al punto da intralciare la strada al centurione Publio Sestio Baculo per ucciderlo, vendicando così il figlio, ma sarà Sestio ad ucciderlo;___

posted image

2017-01-21 17:22:57 (0 comments; 0 reshares; 0 +1s; )Open 

Nerone
Libro di Edward Champlin

La dubbia fama di Nerone per due millenni è stata fondata su una serie di gesti pubblici stravaganti, in genere scandalosi, spesso repellenti. Assassinò sua madre, dopo esserci forse andato a letto, uccise in un accesso di rabbia la moglie incinta, castrò e sposò un giovane liberto che gliela ricordava, calcò le scene nei panni di un eroe impazzito e di una partoriente, suonò la cetra mentre Roma bruciava, trasformò i cristiani in fiaccole per illuminare la notte. Senza tentare di riabilitare il mostro che la storia ci ha consegnato, Edward Champlin, professore alla Princeton University, mette in luce la determinazione con cui Nerone plasmò la propria storia sui miti greci e romani, uomo di pubbliche relazioni in anticipo sul suo tempo.

Nerone
Libro di Edward Champlin

La dubbia fama di Nerone per due millenni è stata fondata su una serie di gesti pubblici stravaganti, in genere scandalosi, spesso repellenti. Assassinò sua madre, dopo esserci forse andato a letto, uccise in un accesso di rabbia la moglie incinta, castrò e sposò un giovane liberto che gliela ricordava, calcò le scene nei panni di un eroe impazzito e di una partoriente, suonò la cetra mentre Roma bruciava, trasformò i cristiani in fiaccole per illuminare la notte. Senza tentare di riabilitare il mostro che la storia ci ha consegnato, Edward Champlin, professore alla Princeton University, mette in luce la determinazione con cui Nerone plasmò la propria storia sui miti greci e romani, uomo di pubbliche relazioni in anticipo sul suo tempo.___

Buttons

A special service of CircleCount.com is the following button.

The button shows the number of followers you have directly on a small button. You can add this button to your website, like the +1-Button of Google or the Like-Button of Facebook.






You can add this button directly in your website. For more information about the CircleCount Buttons and the description how to add them to another page click here.

MAURIZIO PONTINIFacebookCircloscope